La polizza assicurativa prevista per i veicoli a due ruote, oppure a quattro, è obbligatoria e sancita dalla legge, al fine di garantire una copertura in caso di sinistri, danneggiamenti alle cose o danni alle persone.

Allo stesso modo anche la famosa Vespa, simbolo della storia d’Italia per i due ruote, necessita di una polizza assicurativa attraverso il pagamento di un premio. Tutti i conducenti in possesso di una Vespa della prima serie potranno accedere a particolari sistemi di agevolazione fiscali e assicurative.

La possibilità per le Vespe edite dalla prima serie è quella di registrare il mezzo presso particolari registri storici, come la Vespa Club, i quali consentono di ottenere la sottoscrizione della polizza con capitali di investimento minimi, privi di qualsiasi limitazione. Per tutti i conducenti delle nuove Vespe invece sarà possibile scegliere tra i preventivi ad esse dedicate. La polizza assicurativa Spesa bonus/malus prevede una classe di merito che corrisponderà a quella di partenza, ossia la quattordicesima in presenza della pima attivazione assicurativa, oppure in applicazione del Decreto Bersani.

 

POLIZZA ASSICURATIVA NUOVI MODELLI DI VESPE: COME RISPARMIARE

All’interno del contratto di polizza assicurativa Vespa sarà possibile ridurre il costo del premio optando per una limitazione sul risarcimento in caso di avvenuto sinistro per mezzo della franchigia, da un minimo di 50 euro, fino ad un massimo di 500 euro. In caso di sinistro con responsabilità del conducente la compagnia assicurativa erogherà il costo totale del risarcimento, fatta eccezione per la quota prevista stipulata al momento della sottoscrizione del contratto.



Altre compagnie assicurative prevedono invece la stipula di una polizza temporanea, rivolta soprattutto a tutti i conducenti soliti servirsi della propria Vespa in particolari periodi dell’anno, ad esempio durante la stagione estiva. In questo caso verrà inserita una clausola particolare che consentirà di sospendere la polizza assicurativa per tutto il periodo dell’anno in cui resterà ferma, a partire da un periodo minimo di almeno 30 giorni.

Il costo totale di una polizza varierà inoltre in corrispondenza delle garanzie aggiunte, come la formula furto e incendio, oppure atti vandalici. E’ inoltre possibile sottoscrivere una polizza assicurativa Vespa per mezzo delle compagnie online, con un risparmio di tempo e denaro, servendosi solamente di una connessione internet. Tra le altre possibilità si trovano anche polizze assicurative Vespa chilometriche, stipulate sotto un numero di chilometri reali effettuati dal conducente durante il corso del tempo dell’assicurazione.

 

ASSICURAZIONE PER VESPA D’EPOCA

Tra le diverse compagnie assicurative per la stipulazione del contratto di polizza riservato alla Vespa d’epoca sarà possibile scegliere tra:

  • Assicurazione SaraVintage
  • Assicurazione Groupama

 

POLIZZA ASSICURATIVA VESPA CLUB ITALIA

Una delle polizze più convenienti è sicuramente quella erogata dall’Assicurazione Vespa Club Italia. Questa tipologia specifica di assicurazione si rivolge alle Vespe con otre vent’anni di età, con la sottoscrizione al Vespa Club Italia, oppure al registro storico. Tutte le Vespe e le moto d’epoca possono usufruire di particolari agevolazioni economiche, in presenza di una serie specifica di requisiti, fra cui:

  • Buone condizioni e buono stato per la circolazione.
  • Iscrizione al registro FMI (Federazione Motociclistica Italiana), oppure iscrizione al registro ASI (Automotoclub Storico Italiano).
  • Presenza del Bollo nelle Vespe d’epoca.


Assicurazione Vespa: come assicurare una Vespa di oggi o una Vespa d’Epoca ultima modifica: 2018-06-07T11:07:54+00:00 da redazione