Come Aprire un Conto Corrente in Spagna: quali sono le migliori banche spagnole



Cosa Serve

Per aprire un conto corrente in Spagna possono essere seguite due strade diverse. Il contraente potrà infatti aprire un conto corrente a distanza, ovvero dall’Italia in questo caso, oppure recandosi personalmente sul territorio spagnolo in una delle banche scelte.

L’iter burocratico spagnolo prevede una serie di semplice documentazione:

  • Documento di identità valido;
  • Maggiore età;
  • Disponibilità di un buon conto corrente.

 

Conto Corrente a Distanza

In questo caso sarà sufficiente disporre di un documento in corso di validità identificativo ed aver compiuto almeno 18 anni. Per chi decide di vivere sul territorio spagnolo per un periodo di oltre tre mesi sarà necessario disporre di un buon conto corrente, mentre l’apertura di quello spagnolo sarà assolutamente gratuita, con costi gestionali estremamente ridotti rispetto a quelli italiani.

 

Conto Corrente in Spagna

In questo caso sarà necessario esibire un documento identificativo valido in corso, oppure il passaporto, il NIE, ovvero il Número de Identidad de Extranjero, un documento necessario per decide di vivere o rimanere in Spagna oltre il periodo dei tre mesi. Tale documento viene rilasciato ai cittadini stranieri, in una sorta di codice fiscale spagnolo, richiedibile presso l’Oficina de Extranjeros.

Gli istituti bancari dove è preferibile recarsi sono: BBVA, LA CAIXA, BANCO DE MADRID e l’olandese ING, con costi gestionali relativamente bassi. La ING fornisce l’utilizzo della carta di credito gratuito, richiedendo però la domiciliazione spagnola sulla propria busta paga.



 

Banche Spagnole

Le commissioni sui prelievi previste dalle banche di altri circuiti risultano essere estremamente alti sul territorio spagnolo. A fronte di tale motivo è preferibile scegliere attentamente l’istituto bancario in questione, aprendo un conto corrente in una delle banche apartenenti ai circuiti più diffusi come SERVIRED, TELEBANCO 4B ed EURO 6000.

La Spagna conta infatti almeno 30 istituzioni bancarie a livello nazionale e numerose a livello regionale.

Per aprire un conto corrente online è inoltre possibile rivolgersi a siti specializzati del settore per avere un quadro completo sulle varie offerte.

 

Quale Scegliere

Per valutare al meglio il circuito bancario al quale rivolgersi è opportuno valutare scrupolosamente alcuni quesiti come:

  • Che cosa occorre per aprire un conto, eventuali penalizzazioni nel caso in cui non si soddisfino tutti i requisiti richiesti dalla banca stessa;
  • Percentuale d’interessi di deposito corrisposta, dove previsti;
  • Con quanta facilità si può aprire il conto corrente proposto;
  • Valutare la presenza dei circuiti bancomat dove poter prelevare senza tasso di commissione;
  • La disponibilità dei servizi offerti dalla banca in inglese.

La possibilità di operare con minimi tassi di spese o gratuitamente riguarda per lo più: bonifici gratuiti all’interno della zona euro, la sostituzione gratuita della carta di credito e bancomat, l’assenza di commissioni o costi nascosti per le operazioni di banking online.

Per chi invece preferisce depositare i propri risparmi on-line è possibile rivolgersi alla Bankinter o alla Openbank, una filiale del Banco Santander, dove vengono offerti  i più avanzati siti internet. Bankinter pubblicizza inoltre la proria offerta online con una rete nazionale di succursali, mentre Openbank è una vera e propria banca online.